A cosa serve lo yoga

07-08-2005 17.31.39_0005Lo Yoga è uno straordinario e antichissimo sistema indiano che, attraverso una grande varietà di tecniche, rende possibile l'integrazione dell'essere umano su tutti i piani dell’esistenza, dal corpo al respiro, dall'energia alla mente.

La pratica regolare dello Yoga favorisce benessere, calma e lucidità mentale, sviluppando un atteggiamento serio e responsabile con cui affrontare efficacemente le sfide della vita.

Attraverso un lavoro progressivo sul piano emozionale e psichico, lo Yoga aiuta il praticante a definire il proprio cammino umano alla luce di insegnamenti spirituali universali e senza tempo.

07-08-2005 17.32.29_0007Le tecniche dello Yoga mettono in armonia  i diversi aspetti di corpo, energia e mente; in tal modo il praticante può agire con piena forza e chiarezze di idee.

Esistono vari tipi di Yoga:

  • Hatha - Yoga, lo Yoga psicofisico, ossia la Armonia degli opposti (il sole e la luna).
  • Karma - Yoga, l'azione disinteressata a un tornaconto, la rinuncia al frutto dell’azione. (volontariato).
  • Bhakti - Yoga, la devozione a Dio (amore cosmico).
  • Raja - Yoga, lo Yoga regale, la parte mentale dell'Ashtanga yoga di Patanjali.
  • Jnana - Yoga, lo Yoga della conoscenza attraverso lo studio degli antichi testi sacri.07-08-2005 17.32.29_0007
  • Man
    tra - Yoga, l'importanza del ripetere i suoni o preghiere, per esempio l'OM (il suono cosmico) o la Gayatri.
  • Tantra - Yoga, Yoga dell'accettazione e dell'unione rituale.
  • Kundalini - Yoga, lo Yoga del risveglio dell'energia latente nell'uomo.

Un piccolo esempio di meditazione:

Come recuperare le proprie energie

Troppo spesso vi lasciate trascinare da quella frenesia tanto dannosa all'equilibrio fisico e psichico dell'uomo, divenuta in questa epoca il suo stato abituale. Dovete prestare maggiore attenzione al vostro sistema nervoso, procurandogli di tanto in tanto un attimo di distensione.

Per esempio, ritirandovi in una camera tranquilla, potete stendervi supini su un letto, per terra, oppure su un tappeto, con le braccia e le gambe rilassate; in quella posizione lasciatevi andare, come se steste sprofondando in un oceano di luce, senza muovervi, senza pensare a nulla...

Dopo uno o due minuti vi alzerete ricaricati. È tutto qui, ed e davvero poca cosa, ma molto importante!

A volte ci si trova in situazioni in cui non e possibile stendersi in tal modo. Quando non è possibile, mettetevi seduto; la cosa importante è che riusciate comunque ad allentare, la tensione nella quale vivete.

Ci si deve saper fermare, e non solo una o due volte al giorno, ma dieci, quindici, venti volte, se necessario. Basta farlo anche solo per uno o due minuti; ciò che conta è che prendiate l'abitudine di praticare frequentemente tale tecnica di rilassamento.

Fatelo ogni  volta che avete un momento libero. Indipendentemente dal luogo, in cui vi trovate.

Invece di perder tempo e di irritarvi perché vi si fa attendere, approfittate di ogni occasione per calmarvi e ritrovare il vostro equilibrio, dopo di che riprenderete le vostre attività con rinnovato vigore.

O.M. Aivanov